BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

L’altruismo risiede nel cervello

giugno 2007 -
Un team di ricercatori statunitensi ha effettuato uno studio, i cui risultati sono pubblicati su Nature Neuroscience, che dimostra come i nostri comportamenti altruistici siano collegati ad una particolare area del cervello chiamata corteccia temporale superiore posteriore.
Il tutto è avvenuto attraverso una serie di diagnosi per immagini condotte sul cervello su 45 volontari, ai quali è stato chiesto di rivelare quante volte si dedicassero ad azioni altruistiche, come la beneficienza, e di sottoporsi ad un test computerizzato progettato per misurare l’altruismo.
Anche se capire il funzionamento di quest’area cerebrale non ci farà prevedere cosa spinge una persona a comportarsi in maniera altruista, ci darà però informazioni sull’origine di questo comportamento sociale.
Il prossimo passo sarà capire lo sviluppo di questa regione negli stadi precoci della vita: “Educare all’altruismo sin dall’infanzia può essere positivo per la comunità - spiega George Fieldman, membro del British Psychological Society - e può diventare interessante riuscire a dimostrare l’importanza dell’ impatto che questo può avere sullo sviluppo del cervello.” Fieldman conclude ricordando che il vero altruismo è una qualità così rara quanto intangibile.

Copyright - Biotecnologia.it