BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Creato in laboratorio il primo cuore artificiale

gennaio 2008 - La notizia è stata pubblicata dalla rivista Nature Medicine, e riguarda una realizzazione da parte di un'equipe medica dell'Università del Minnesota del primo cuore 'bioartificiale'.
Ciò costituisce una prima assoluta e una svolta nel mondo della medicina e dei trapianti, facendo sperare nella risoluzione definitiva del problema della mancanza di donatori di organi e lasciando prevedere un futuro dove tutti gli organi necessari possano essere creati in laboratorio.
Secondo i ricercatori il cuore bioartificiale possiede un pregio enorme e cioè riduce di molto il rischio di rigetto.
La tecnica utilizzata dai ricercatori è chiamata decellularizzazione, testata su maiali e ratti è ancora considerata 'altamente sperimentale': con l'uso di composti chimici, l’organo dell'animale morto è stato svuotato di tutte le cellule, lasciando intatta solo la proteina scheletro. Lo scheletro proteico è stato quindi ripopolato con le staminali cardiache.
Quattro giorni dopo, le cellule hanno iniziato a contrarsi, e dopo otto giorni i cuori bioartificiali di topi e maiali hanno iniziato a battere.
Test su cuori umani sono ovviamente lontani ancora molti anni.

Copyright - Biotecnologia.it