BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Diagnosi e terapia dei tumori con le nanoparticelle

ottobre 2010 - Nanoparticelle magnetiche capaci di effettuare contemporaneamente diagnosi e terapia, individuando le singole cellule tumorali: questa è la prospettiva di una ricerca compiuta dalle Università di Milano, Pavia e Saragozza e presentata recentemente a Roma alla decima Conferenza internazionale sui materiali nanostrutturati (Nano 2010).
Lo studio, è stato condotto da Alessandro Lascialfari, ricercatore associato del Cnr e docente alle Università di Milano e di Pavia, e da Fernando Palacio dell’Istituto di scienza dei materiali dell’ateneo spagnolo.
Si tratta dello studio in medicina di nanoparticelle magnetiche cioè con la capacità di svolgere contemporaneamente un’azione diagnostica e terapeutica.
Le particelle vengono utilizzate come agenti di contrasto nella risonanza magnetica nucleare per aumentare il contrasto di immagine e consentire così una migliore rivelazione del tumore. Ulteriori sviluppi della tecnica di risonanza consentiranno l’individuazione del tumore già quando questo si è sviluppato solo a livello di poche cellule, cosa attualmente impossibile con le attuali tecniche diagnostiche.
Le particelle magnetiche sono state inoltre utilizzate per la ipertermia magnetica, tecnica basata sul riscaldamento mediante l’applicazione di un debole campo magnetico alternato di opportuna frequenza.
Le cellule tumorali sono molto più sensibili al calore di quelle sane e quindi quando si raggiunge una temperatura locale tra i 42 e i 47 °C vengono distrutte.

Copyright - Biotecnologia.it