BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Una trachea costruita con le staminali

maggio 2013 - Operata per la prima volta al mondo una bimba di soli due anni - Un’équipe internazionale di chirurghi guidata dall’italiano Paolo Macchiarini ha impiantato su una bimba di appena due anni una trachea ottenuta con le sue stesse cellule staminali: Hannah Warren aveva vissuto nel reparto di terapia intensiva di un ospedale coreano, poiché per respirare necessitava di un tubo inserito in bocca.
I medici hanno costruito un organo sostitutivo bioartificiale, avvalendosi di cellule staminali prelevate dal suo midollo osseo e coltivate in provetta, le quali hanno creato una nuova trachea.
La bambina ha subito un intervento di ben 9 ore lo scorso 9 aprile al Children’s Hospital of Illinois.
Attualmente respira da sola, attraverso un buco nel collo.
L’organo trapiantato è stato realizzato partendo da un tubo di materiale plastico immerso in una soluzione di staminali della piccola. Questo tipo di operazione è il sesto nel suo genere ma il primo su un soggetto così piccolo. Fra circa 4 anni infatti sarà comunque necessario un nuovo intervento per fornirle una trachea più grande. Il chirurgo si è detto pronto ad iniziare un vero e proprio test clinico sulla tecnica se otterrà il via libera dalla Food and Drugs Administration.

Copyright - Biotecnologia.it