BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Un nuova promessa contro l’ Epatite C

dicembre 2013 - Approvato dalla FDA il nuovo farmaco Sovaldi - Nel mondo 180 milioni soffrono di Epatite C, quasi quattro negli Stati Uniti, quasi due in Italia, e sono pochissimi quelli che si curano. Sino ad oggi l'unico rimedio efficace per l’epatite C era a base di interferone, una terapia che porta con sé pesanti effetti collaterali quali insonnia, nausea, depressione e sintomi influenzali.
Il farmaco Sovaldi di Gilead Sciences, la più grande azienda biotech al mondo, è stato approvato dalla FDA ed è destinato ad aprire una nuova frontiera nella lotta ad una delle malattie più pericolose e diffuse. Secondo gli analisti di Wall Street per la società è un successo annunciato e il farmaco è destinato a superare tutti i record di vendita e ricompenserà ampiamente gli 11 miliardi di dollari investiti nel progetto.
La Gilead batte tutte le altre grandi compagnie farmaceutiche che stanno lavorando nella ricerca di cure simili.

Attraverso una pillola da prendere una volta al giorno, il principio attivo sofosvubir ne combatte il virus. Secondo gli ultimi test questa nuova cura oltre ad essere molto meno invasiva promette anche percentuali di successo attorno all'80%.

Edward Cox, membro della commissione Fda, parla di un passo avanti eccezionale nella lotta all'epatite, che avrà successo soprattutto nei pazienti cronici: "Nei prossimi 18 mesi arriveranno altre medicine che semplificheranno di molto la cura dell'epatite, saranno meno invasive e soprattutto porteranno il tasso di guarigione oltre il 90%".

Copyright - Biotecnologia.it