BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

I fattori di rischio cardiovascolare minacciano la salute del cervello

marzo 2019 - Fumo, obesità, pressione alta e diabete possono compromettere alcune funzioni cognitive. - Secondo uno studio pubblicato sull’European Heart Journal e firmato da Simon Cox, del Centre for Cognitive Ageing and Cognitive Epidemiology dell’Università di Edimburgo,, i fattori di rischio che minacciano la salute del sistema cardiovascolare sono gli stessi che possono compromettere diverse funzioni del cervello.
Queste aree chiave per alcune funzioni cognitive, come memoria e ragionamento, sono solitamente molto deteriorate per esempio nei pazienti che soffrono di Alzheimer.
Lo studio ha esaminato 9772 individui di età compresa tra i 44 e i 79 anni, che sono stati sottoposti a scansione cerebrale misurandone il volume totale, il volume della materia grigia e la morfologia.
Si è rilevato come un elevato rischio vascolare, determinato da condizioni quali ipertensione, diabete e obesità, a parità di età, sesso e di altri fattori, si associa spesso a una riduzione del volume della massa grigia rispetto a coloro che non convivono con i fattori di pericolo. L’esito delle ricerche ha confermato che a un maggior rischio vascolare corrisponde una struttura cerebrale peggiore, e questo avviene anche in adulti altrimenti sani.
Recenti studi hanno mostrato che un valido aiuto per proteggere il cervello dall’Alzheimer giunge dall’irsina, nota ai più come l’ormone dello sport che stimola la crescita dei neuroni nell’ippocampo, l’area chiave per l’apprendimento e la memoria, difendendo l’organo dalla malattia.

Copyright - Biotecnologia.it