BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Isolate le staminali che innescano le metastasi nei tumori.

giugno 2019 - Si apre la strada a nuove prospettive di diagnosi prima che si formino le metastasi. - Le cellule staminali ‘impazzite’ che danno origine ai tumori sono responsabili anche delle metastasi, e per ‘trasferirsi’ ad altri organi usano la circolazione sanguigna, in cui entrano ed escono modificando alcune caratteristiche. La filosofia cambia radicalmente: finora si tendeva a colpire la massa tumorale senza riuscire però ad attaccare le staminali.
Vengono chiamate “cellule camaleonte”, perché sono le stesse che causano il tumore primario ma che per circolare nel sangue e negli organi subiscono delle modifiche.
I primi ad individuarle nel sangue sono stati i ricercatori italiani, coordinati dalla biologa Elena Binda, direttrice della Cancer Stem Cells Unit dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista EBiomedicine del gruppo Lancet. La ricerca ha permesso di individuare dei biomarcatori specifici utilizzabili per nuove terapie altamente personalizzate.
Dapprima sono state isolate le staminali da alcuni tessuti tumorali, trapiantandole nei topi e poi si è ‘seguito’ con modelli animali il viaggio di queste cellule a partire da un tumore del colon retto.
Si conferma l’utilità di individuare strategie che colpiscano le staminali tumorali, così come per distruggere un palazzo è importante agire sulle fondamenta.

Copyright - Biotecnologia.it