BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Da un farmaco per un problema alla prostata nuove speranze nella cura del Parkinson

settembre 2019 - La Terazosina è un farmaco comunemente prescritto per trattare l’ingrossamento della prostata.
Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori University of Iowa, questo farmaco sarebbe in grado di prevenire la neurodegenerazione se assunta prima dello sviluppo della patologia, e rallentare il suo decorso se somministrata dopo la sua manifestazione.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Clinical Investigation.
Uno degli effeti principali del farmaco è quello di agire su PGK1, un enzima chiave per il benessere delle cellule in grado di intervenire sui processi neurodegenerativi delle cellule. Si è quindi deciso di testare la sua efficacia contro il morbo di Parkinson, riscontrando in tutti gli animali trattati degli evidenti miglioramenti.
Lo step successivo riguarda la sperimentazione clinica sui pazienti colpiti dalla malattia.
Poiché si tratta di medicinale già in commercio e quindi approvato dagli organi competenti, il via libera alla sperimentazione sui pazienti affetti da morbo di Parkinson sarà più veloce.

Copyright - Biotecnologia.it