BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Leggere il Dna per comprendere le malattie gravi

marzo 2020 - Lo studio è stato pubblicato su - Nel 1986 un gruppo di ricercatori effettuò uno studio sui parassiti e scoprì che le le molecole di RNA, copie trascritte del Dna subivano una sorta di “revisione” dell’informazione genetica. Si è compreso da qui che questa modifica della direttiva prima che essa diventi attuativa può avere profonde ripercussioni sul funzionamento della cellula.
L’identità e la funzione di ogni cellula dipende dagli RNA che produce attraverso il processo noto come trascrizione.
Gli sviluppi della ricerca hanno permesso di comprendere che alcune di queste modifiche sono legate a condizioni patologiche gravi a carico del sistema nervoso centrale o immunitario.

Uno studio dell’Istituto di biomembrane, bioenergetica e biotecnologie molecolari del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibiom) e dell’Università di Bari, ha sviluppato un protocollo per l’identificazione degli eventi di modifica al corredo genetico per spiegare l’insorgenza di malattie come Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica o malattie immunologiche e tumori.
Secondo la ricerca effettuata grazie ad uno specifico software è possibile identificare le modifiche degli RNA, facilitando la comprensione dei meccanismi molecolari alla base dell’insorgenza di alcune gravi malattie. Ad oggi, sono stati rilevati più di 4.5 milioni di questi cambiamenti, il che dimostra quanto il fenomeno di RNA editing sia diffuso nell’uomo. Avere uno strumento predittivo risulta particolarmente rilevante nell’ottica della medicina personalizzata e nello sviluppo di specifici farmaci e trattamenti terapeutici mirati.

Copyright - Biotecnologia.it