BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Una nuova strada per la cura della leucemia mieloide acuta.

aprile 2020 - La scoperta è stata pubblicata sulla rivista “Science Advances” - I ricercatori dell’Istituto europeo di Oncologia, hanno scoperto come rendere più efficaci i farmaci che agiscono su LSD1, un gene alterato in molti tipi di tumori, incluse le leucemie.
Il team guidato da Saverio Minucci, Direttore del Programma Nuovi Farmaci e docente dell’Università statale di Milano, ha dimostrato che associare l’acido retinoico agli anti-LSD1 migliora i risultati delle terapie contro le leucemie mieloidi acute.

“Da molti anni studiamo LSD1 e siamo stati fra i primi gruppi coinvolti nella sintesi di alcuni farmaci che ne inibiscono l’attività.
Si scoperto che utilizzando solo il farmaco contro LSD1 le cellule tumorali non rispondono.
Con l’aggiunta dell’acido retinoico invece si può sbloccare la resistenza e ottenere un aumento significativo della sopravvivenza
Sono stati presi in esame modelli animali di leucemia mieloide acuta.

Questa malattia è una delle forme più gravi di leucemia, per la quale le opzioni terapeutiche sono ad oggi limitate. Associando all’anti- LSD1, che da solo è utilizzato contro alcuni tipi di leucemia, abbiamo ottenuto

È stato quindi possibile annullare geneticamente l’attività enzimatica di LSD1, senza bloccarne l’effetto pro-tumorale.
LSD1 agisce come una piattaforma, con cui interagiscono alcune proteine necessarie a bloccare il differenziamento cellulare, fondamentale nello sviluppo della malattia. Con questa ricerca si è voluto dimostrare che alcuni farmaci anti-LSD1, riescono a bloccare questa funzione di piattaforma, importantissimo passo avanti per l’attività anti-leucemica.

L’obiettivo è quello di sperimentare in clinica i farmaci anti-LSD1 in combinazione con l’acido retinoico nelle leucemie mieloidi acute.

Copyright - Biotecnologia.it