BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Scoperto il gene che del desiderio.

novembre 2020 - Il suo funzionamento spiegato dai ricercatori sulla rivista JCI Insight. - Uno studio condotto sui topi dai ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti d’America ha trovato un gene in grado di controllare sia il desiderio di cibi grassi e zuccherini sia quello che spinge a fare più movimento.
Prkar2a, è un gene espresso in una piccola zona del cervello chiamata abenula e coinvolta nelle risposte al dolore, allo stress, all'ansia, al sonno e alla ricompensa.
Il gene raggruppa le informazioni necessarie per creare due componenti molecolari dell'enzima proteina chinasi A, innescando delle reazioni chimiche collegate al desiderio di cibo e di maggior movimento.
Lo studio è stato coordinato da Edra London dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) e si è sviluppato attraverso due diversi esperimenti sui roditori.
Inizialmente la squadra di ricerca ha scoperto che i topi con anomalie del gene oggetto dello studio avevano meno probabilità di diventare obesi rispetto ai roditori con Prkar2a regolare.
In un secondo momento è emerso che i topi che avevano anomalie mangiavano meno cibo ad alto contenuto di grassi e zuccheri rispetto al resto del campione.
I roditori senza anomalie erano anche più inclini a fare più esercizio fisico.
Sono state riscontrate differenze anche in relazione al sesso dei roditori: i topi femmina con anomalie erano meno inclini a consumare cibi ricchi di grassi rispetto ai maschi, che al contrario mostravano preferenza per la soluzione zuccherina rispetto ai roditori femmina.
Il risultato permetterà di elaborare nuove terapie per prevenire l’obesità e gestire i rischi associati per malattie cardiovascolari e diabete.

Copyright - Biotecnologia.it