BIOTECNOLOGIA.it

: il punto di riferimento della Biotecnologia Italiana.



Uno sguardo ai risultati

Enzimi Biotech contro celiachia

luglio 2006 - Chi soffre di celiachia potrebbe presto riuscire a risolvere i suoi problemi.
Questa intolleranza permanente al glutine, (sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut , orzo, segale), è particolarmente diffusa. Negli anni '70 e '80 la prevalenza stimata in diverse regioni europee variava tra un caso su mille e uno su quattromila. Attualmente, dopo interessanti studi di screening in soggetti senza sintomi (studenti, donatori di sangue, etc.), si ritiene che la prevalenza della malattia sia più elevata di quanto ritenuto in passato, in particolare intorno a un caso su duecento e, in base a dati più recenti, intorno a uno su cento. Ogni anno 5.000 nuove diagnosi e 2.800 nascite di bambini celiachi.
Presso l’Università di Stanford in California è in fase di studio una terapia a base di enzimi biotech in grado di scomporre le sostanze allergeniche e renderle più tollerabili e digeribili.
Il fattore chiave, secondo il coordinatore della ricerca Chaitan Khosla, è l’enzima Ep-B2. Esso è capace di trasferire alcuni legami chimici necessari all’assimilazione del cibo, alle sostanze che metabolizzano il glutine. In tal modo si riuscirebbero ad evitare gravi danni alla mucosa intestinale quali l’atrofia dei villi intestinali.

Copyright - Biotecnologia.it